lunedì 7 luglio 2014

Quando Cersei disse: "Da quella battaglia tornò il re sbagliato". L'amore segreto di Cersei Lannister per Rhaegar Targaryen.



Quanti fan di Game of Thrones sanno che Cersei Lannister, oltre a Jaime, amò, senza essere ricambiata, un altro uomo, e cioè il principe Rhaeagar Targaryen?
Lo apprendiamo nel volume L'ombra della profezia (seconda parte di A Feast for Crows) dove Cersei diventa protagonista di interi capitoli, raccontati dal suo punto di vista. Nei suoi pensieri torna allora un ricordo antico. Quando Jaime era lontano, divenuto cavaliere della guardia reale di Aerys II il Folle, Cersei era rimasta sola. Suo padre le aveva promesso un fidanzamento di primo livello.
Lord Tywin sperava infatti che sua figlia diventasse la fidanzata dell'erede al trono, Rhaegar Targaryen, principe della Roccia del Drago.



Rhaegar era bello, forte, abile nella spada, ma anche sensibile alle arti, suonava l'arpa e scriveva poesie e canzoni. Un'ombra però gravava su di lui, come il presagio del tragico destino dei Targaryen. 
Egli amava Lyanna Stark, che però era già fidanzata con il focoso Robert Baratheon, all'epoca lord di Capo Tempesta.
Due donne erano candidate per il ruolo di sposa del principe: Elia Martell di Dorne e Cersei Lannister di Castel Granito.
Cersei si era fatta leggere la mano da Maggy la Rana, la veggente e le aveva chiesto: "Sposerò il principe?".
"No" fu la risposta "Tu sposerai il Re".
Cersei sul momento non aveva capito, ma nel suo cuore sapeva che un giorno sarebbe stata una regina.
"Regina tu sarai, fino a quando verrà una più giovane e più bella e ti toglierà tutto ciò che hai di più caro. E quando non avrai più lacrime, il Valonqar stringerà le sue mani sul tuo collo pallido fino a quando non sopraggiungerà la morte".
L'Ombra della Profezia gravava sul destino di Cersei Lannister fin da quel giorno lontano, ma lei si era convinta che se non ci avesse più pensato, nulla di tutto ciò sarebbe accaduto.
Per alcuni anni era stato così.
In fondo il principe Rhaegar aveva sposato Elia Martell e dunque sarebbe stata la principessa di Dorne a diventare la futura regina.
Cersei aveva invidiato quella principessa dalla pelle scura, che indossava abiti rossi e preziose tiare con rubini e perle. Elia aveva scelto come dame di compagnia Lyanna Stark e Ashara Dayne, senza sapere che un tragico destino le avrebbe unite nella morte.



(nell'immagine qui sopra vediamo da sinistra Lyanna Stark, Elia Martell e Ashara Dayne)

Aerys II aveva rifiutato la candidatura di Cersei, rispondendo sprezzantemente a suo padre in questo modo: "Tywin, tu sei il migliore dei miei servitori, ma non posso far sposare mio figlio alla figlia di un mio servitore!".
Così parlò il Re Folle, senza sapere che inimicandosi i Lannister avrebbe firmato la propria condanna a morte, come prima era accaduto al Lord Reyne di Castamere.

And so he spoke, and so he spoke, that Lord of Castamere,
and now the rains weep o'er his hall and not a soul to hear
and not a soul to hear
and not a soul to hear...

(Sotto da sinistra: lady Martell, Rhaella Targaryen e Joanna Lannister, madri rispettivamente di Elia, di Rhaegar e di Cersei. In gioventù erano state amiche, ma una rivalità era sorta tra Rhaella Targaryen e Joanna Lannister, che era appena rimasta incinta del suo ultimo figlio, Tyrion. Ma chi era il padre?)





Passarono gli anni. Rhaegar ed Elia ebbero due figli, Aegon VI e Rhaenys. Tutto era pronto per le nozze tra Lyanna e Robert Baratheon. Jaime era appena entrato nella Guardia Reale di Aerys II.
E venne il giorno.
Il giorno del torneo di Harrenhal, nell'anno della Falsa Primavera.
C'erano quattro coppie, quel giorno maledetto:
Rhaegar Targaryen ed Elia Martell, Jaime e Cersei Lannister, Eddard Stark e Catelyn Tully, Robert Baratheon e Lyanna Stark.



Rhaegar era innamorato di Lyanna, e forse Elia lo sapeva, ma taceva per evitare lo scandalo.



C'erano quattro amori impossibili: quello di Jaime per Cersei, quello di Cersei per Rhaegar, quello di Rhaegar per Lyanna e quello di Robert per la stessa Lyanna.



Quei quattro amori impossibili scatenarono due guerre e furono causa di morte e sventura per tutti.

(sotto da sinistra lady Tyrell, Cersei Lannister, Robert Baratheon, Lyanna Stark, Eddard Stark, Catelyn Tully, futura lady Stark)



Sappiamo bene come andò a finire.
Rhaegar e Lyanna fuggirono, Lyanna morì di parto, Elia fu uccisa da Gregor Clegane, Robert uccise Rhaegar al Tridente, divenne re e sposò Cersei Lannister, per avere l'appoggio di suo padre. La prima parte della profezia si era avverata. Cersei aveva sposato il re, ma non il re che avrebbe voluto. Molti anni dopo, ricordando quegli eventi, ella commentò amaramente: "Da quella battaglia tornò il re sbagliato".



Aveva sperato di poter sposare Rhaegar, perché sia Elia che Lyanna erano morte, ma Robert aveva ucciso il suo rivale e posto fine alla dinastia dei Targaryen.
Iniziava il regno della dinastia Baratheon, ma il vero potere era conteso tra i Lannister e gli Stark.
Il Gioco del Trono era appena iniziato.



- AGoT, Bran overhears Cersei and Jaime talking right before Jaime throws him out of the window

“You are as blind as Robert,” the woman was saying. 
“If you mean I see the same thing, yes,” the man said. “I see a man who would sooner die than betray his king.” 
“He betrayed one already, or have you forgotten?” the woman said. “Oh, I don’t deny he’s loyal to Robert, that’s obvious. What happens when Robert dies and Joff takes the throne? And the sooner that comes to pass, the safer we’ll all be. My husband grows more restless every day.
Having Stark beside him will only make him worse. He’s still in love with the sister, the insipid little dead sixteen-year-old. How long till he decides to put me aside for some new Lyanna?”

Sotto, da sinistra: Cersei Lannister, Catelyn Stark, Arya Stark, Sansa Stark, Margaery Tyrell e Daenerys Targaryen.


Gothian (seconda edizione). Capitolo 29. Masrek e Sephir Eclionner si reincontrano dopo diciassette anni.

  

 Masrek Eclionner, l'Eremita, era arrivato in incognito da alcuni giorni a Terramara,
   fangoso villaggio di palafitte, covo  segreto della Piovra, l'organizzazione criminale guidata da suo padre, Sephir Eclionner, lo Sciancato, che un tempo era stato il Principe della Corona Imperiale.




Non si erano ancora incontrati. E non si vedevano da diciassette anni.
Un'antica ruggine li divideva: Masrek non aveva perdonato al padre di averlo separato da sua moglie Lilieth e da loro figlio Marvin, nell'anno della Primavera di Sangue.
L'anno in cui tutte le cospirazioni avevano avuto inizio.
Ci ha rapiti e separati per la nostra sicurezza, ma non solo per questo... voleva punirmi per ciò che era successo tra me ed Ellis.
Masrek e sua sorella avevano commesso un incesto. Elner XI era loro figlio.
 Sephir Eclionner, all'epoca Principe della Corona, era stato informato dal senatore Fujivarian riguardo alla reale paternità di Elner.
Non era la prima volta che accadeva un incesto nella dinastia Eclionner, il cui albero genealogico Masrek conosceva a memoria. Ma si trattava di eventi successi quasi mille anni prima.

Eclion, Signore delle Tenebre
    |
Arexatan Eclionner, fondatore dell'Impero Lathear
   +                                +                +              +                +                   +
Wechtigalia                   Kleope         Olivia        Sloann         Claireen        Edwina
Shazirai                       Hallenhal       Kermode  Darring        Wagall          Ataris
   |                                   |                       |            |                     |               (poi conosciuta come
Wechtigar I il Pio   +    Sephiria          Kerl          Ludor     +     Falise           Lady Marigold
                              |                         il Sommo     il Primo   |                          di Gothian)
                              |                        Sacerdote     Ministro  |
                              |                                                           |
                       Elner I il Crudele-----------+-----------Sidonie Eclionner
                                                                  |
                                                       Wechtigar II il Calvo    
                                                                  |
                                                      42 generazioni
                                                                     |
                                                                     | ---------------------------- -|
                                                        Wechtigar XVI Barbablù          Vorian Eclionner
                                                    +                                                             +
                                     Sophie Tessier-Ashpool                                     Melania Orwell
                                                     |                                                              |
                                        Sephir Eclionner    Sen. Sibelius Fujivarian   Ivar Eclionner
                                                    +               |                                        |         +
                                          Wensy Fujivarian                             Susan Fujivarian  
                                   ________ |________________                               |
                                  |                                            |                                    |
                         Masrek Eclionner --- --+ ----Ellis Eclionner---+  Elner X Eclionner
                                   +                            |
                       Lilieth Vorkidian           Elner XI                              
                                    |                          il Predestinato
                          Marvin 
                      Eclionner-Vorkidian

All'epoca, Sephir aveva deciso di rimandare a dopo la guerra con gli Alfar la punizione esemplare nei confronti dei figli, ma la battaglia di Elenna sul Dhain era stata una tale catastrofe che egli non aveva più avuto il coraggio di rientrare a corte. Nel frattempo infatti Ellis aveva preso il potere, con l'appoggio del Senato e dei Servizi Segreti.
A quel punto la situazione era precipitata.
Masrek era fuggito ad Amnisia, da Lilieth, ma sapeva che l'Imperatrice lo avrebbe cercato ovunque.
Ripensare ad Ellis era sempre doloroso, perché lei era rimasta una ferita aperta, un'ombra che lo avrebbe seguito per sempre.
Per sempre. Per sempre...
Quel pensiero lo ossessionava.
Non avrei mai dovuto cedere al suo fascino. Ho rovinato la sua vita, e la mia...
Ellis era veramente innamorata. 
Anche Masrek lo era, ma si sentiva in colpa per quella passione proibita. Lei al contrario voleva sposarlo. Ricordò quello che lei gli aveva detto, la notte in cui avevano concepito Elner:
"Prometti che mi amerai  per sempre, non come un fratello ama la sorella, ma come uno sposo ama la sua sposa. Promettilo, Masrek!”
Lui aveva promesso, ma non aveva mantenuto.
Ellis era ancora una fanciulla normale. Se lui non l'avesse abbandonata, forse sarebbe rimasta dolce e splendida come se la ricordava.



All'epoca anche Masrek era al massimo della sua gloria e della sua bellezza. 


Era un cavaliere destinato a grandi imprese, e il principe di un Impero che, nei disegni di Ellis, sarebbe tornato al suo massimo splendore.
Ma lui non aveva il coraggio di affrontare lo scandalo che avrebbe causato sposando sua sorella.

"Promettilo, Masrek! Prometti che mi amerai per sempre!" 
E invece lui era fuggito, ed Ellis aveva dovuto ripiegare sul cugino Elner X, perché solo così poteva nascondere l'origine della sua gravidanza. Al figlio, opportunamente, era stato dato il nome dell'ingenuo sposo di Ellis. Ma Elner XI restava comunque un abominio. Il ricettacolo perfetto per la reincarnazione.
Ormai il tempo è giunto: i due eterni rivali si stanno per risvegliare. Arexatan in Elner e Vorkidex in Marvin.
Ma non era così semplice. Arexatan  Eclionner si sarebbe risvegliato anche in Marvin.



E come nella sua prima vita, Arexatan avrebbe obbedito agli ordini del suo oscuro e crudele genitore  il demone Eclion, Signore delle Tenebre, che per mille anni, in virtù dell'Antico Patto, era stato tenuto fuori dalle vicende degli umani.



Devo impedirlo! Perché mio padre non mi chiama? Il Millennio sta per scadere...
Masrek era impaziente di parlarne con Sephir. Attendeva da troppo tempo di essere convocato!
E poi le giornate nella palafitta non passavano mai. Persino il suo cane Arf moriva di noia.
 Come unica lettura gli era stata portata una copia in rotoli di papiro di “All’ombra di mio padre”, una autobiografia del secondo imperatore della dinastia Eclionner, Wechtigar I il Pio, il primogenito del grande Arexatan, al quale succedette in tarda età.


Quell’autobiografia era un elogio apparentemente entusiasta della figura di Arexatan, verso cui il figlio mostrava di nutrire una esagerata venerazione, probabilmente per mettere a tacere i sospetti che circolavano su di lui, riguardo alla morte violenta dello stesso Arexatan, ufficialmente attribuita al pugnale di Kevin Vorkidian.
Dopo di che si strinse l'Antico Patto, di cui però Wechtigar scrisse solo quello che gli conveniva, cioè pochissimo.
La religiosità di Wechtigar era ferrea. Pareva che tutto ciò che il padre aveva fatto fosse una pura realizzazione della volontà divina. Persino i numerosi matrimoni di Arexatan erano visti come un “inno alla vita e alla famiglia”, e Wechtigar considerava grandiosa l’idea che “mio padre avrebbe potuto disporre di un intero esercito chiamando semplicemente a raccolta tutti i suoi figli”.
La simpatia di Wechtigar svaniva quando entrava in scena Edwina Ataris, l’ultima moglie di Arexatan.
Scriveva Wechtigar :
 “Edwina era una pagana del nord, e riuscì ad ammaliare mio padre solo grazie ai suoi poteri di strega”.
In quel punto, c’erano alcune glosse scritte a mano in pessima calligrafia tremolante.
Le ha scritte mio padre. La sua destra non si è ripresa del tutto delle ferite che gli ha inferto il Conte di Gothian.
Masrek cercò di decifrare il commento di Sephir: “Wechtigar si scaglia contro Edwina, perché è stata l’unica che gli ha contestato il diritto alla successione. Avrebbe voluto un figlio da Arexatan, ma non ha fatto in tempo. Wechtigar ha spezzato il loro sogno, macchiandosi di parricidio. Da allora noi Eclionner siamo una stirpe maledetta. E' la condanna della nostra Dinastia!
I rapporti padre-figlio, nella Dinastia, erano sempre stati tormentati. Mai una via di mezzo, mai un rapporto paritario di amicizia! The Eclionner Sentence, la chiamavano gli Alfar: la condanna degli Eclionner.
Edwina Ataris era un'Alfar, ma che fine aveva fatto?
La figlia di Atar non si sarebbe mai arresa finché la sua vendetta non fosse ricaduta sugli Eclionner.
A meno che la Dinastia non trovasse un accordo.
E’  questo che Sephir vuole offrirmi? La sua paterna benedizione? Dopo avermi imposto diciassette anni d'esilio?
Probabilmente ora voleva punire Ellis, o abbattere Elner.
L'Eremita provò pietà per sua sorella. Le sue parole gli rimbombavano nella mente:
“Prometti che mi amerai per sempre! Prometti, Masrek!



Lei era cresciuta all’ombra di suo fratello. Tutti lodavano lui e trascuravano lei.
Fu questo a farla innamorare di me:  viveva di luce riflessa e quando me ne sono andato è rimasta al buio. La sua unica consolazione era il potere, a qualsiasi prezzo. E l'ha ottenuto, passando su molti cadaveri.
E così è diventata la Vedova Nera.



 Ma forse può ancora salvarsi...
Lo Sciancato glielo avrebbe permesso?  Forse. Dopotutto, con lo scadere del Millennio, Sephir poteva giocare la sua carta più importante: la restaurazione dell’erede legittimo.
Ma come farà a dimostrare che io sono Masrek? Non ha il mio sigillo, Lilieth l'avrà sicuramente lasciato a sua madre. E senza il sigillo, io potrei essere chiunque.
Era ben consapevole che gli anni erano stati impietosi con lui e che appariva più vecchio della sua reale età. Mentre pensava queste cose, osservava distrattamente lo squallore di quel villaggio impantanato e cencioso.
Fu allora che alcuni sgherri di Sephir lo chiamarono. Era giunto il momento. Lo condussero verso una palafitta più rialzata e circondata da un recinto e da un piccolo bosco.
Non saranno certo quattro alberi su un fazzoletto di terra a rendere meno rozza la tua "reggia", padre!
Entrò nella palafitta, le cui finestre erano chiuse e il cui camino era acceso.
In fondo alla stanza, nella penombra, il vecchio storpio sembrava un mostro.
Infine ci incontriamo...
Ebbe un brivido.
Le tenebre rendevano ancora più severi lineamenti di Sephir Eclionner.



Masrek si era immaginato tante volte quel momento.
Eccomi, padre... forse anche tu non mi riconosci... 
Il vecchio lo fissava impassibile, come una mummia.
Non è solo questione di aspetto... è che siamo diventati due estranei... e forse lo siamo sempre stati... cosa so io di te? cosa sai tu di me? 
Non ci furono né saluti, né abbracci.
Gli Eclionner non hanno mai avuto veri figli, ma solo degli eredi.
E come tali venivano trattati dai loro padri.
Una dinastia senza amore.
L'Eremita rimpianse la sua capanna sui monti.
Cosa ci faccio qui? 
Lo Sciancato aveva assunto un'espressione di disgusto.
Dopo alcuni interminabili istanti, parlò con voce cavernosa:
«Non intendo chiedere né il tuo perdono, né tanto meno la tua gratitudine per averti salvato la vita nell’unico modo possibile» 
Masrek detestava quel modo di manipolare la realtà con le parole. 
«Sai già quello che penso, padre! Non avevi il diritto di disporre della mia vita e di quella di Lilieth a tuo piacimento»



«Se ti avessi lasciato andare a Lathéna, a fare il martire, tua moglie sarebbe morta con te e Marvin sarebbe stato presto individuato e fatto fuori»
Era vero.Questo l'Eremita non poteva negarlo, ma la realtà era stata quella di un rapimento.
«Forse c’erano altri modi per difendere Lilieth e mio figlio…»
Lo Sciancato rise:
«Altri modi? E quali? Farli vivere con me in questo porcile?»
Masrek scosse il capo.
«Lilieth non è stata molto meglio, a Tupile tra i pirati. Quanto a Marvin, potevi darlo in adozione a qualche buona famiglia»
Il vecchio ridacchiò.
«Ah! Che idiozia! Credi che una buona famiglia l’avrebbe amato più di sua nonna, Lady Ariellin ? Lei gli ha garantito un’infanzia e un’adolescenza felici, e lo ha reso pronto alla grande missione che lo attende»
Masrek si inalberò:
«La missione! Ecco l’unica cosa che ti importa: il potere! Vuoi prenderti la tua rivincita su Ellis usando mio figlio!»
«Sei fuori strada, Masrek. La rabbia non ti rende lucido. O forse aveva ragione Fuscivarian nel dire che Ellis era più intelligente di te?»
L'Eremita fece per dire qualcosa, ma lo Sciancato lo zittì alzando una mano artigliata, e continuò a parlare calcando la voce:
«Chi mi fa paura è Marigold di Gothian, che userà Elner per i suoi scopi! Intendo porre rimedio a tutto questo»


Masrek era scettico:
«E come farai?  Pensi che i Lathear preferiranno avere sul trono un vecchio storpio, un folle eremita e un ragazzino mezzosangue? Marigold ha molto più fascino di tutti noi messi insieme!»
Sephir gli puntò addosso l'indice grinzoso:
«Tra meno di due settimane scoppierà la guerra. E quando l'avremo vinta, la gente crederà a quello che noi le diremo di credere!»
Masrek rise di nuovo:
«Ah! Una guerra! E' la tua specialità, padre! Non ti è bastata la disfatta di Elenna sul Dhain? Come speri di vincere questa nuova guerra? Con i tuoi quattro ladri di polli?»
Lo Sciancato non diede segno di aver colto alcuna ironia:
«La Piovra ha infiltrati in ogni ambiente dell’Impero, e anche oltre, presso gli altri popoli.  Ho comprato la fedeltà di Ser Yvain de Bors, che condurrà Marvin a Floriana, dove sarà ricevuto dall'Arciduido Omualdus.


Egli lo aiuterà nel momento in cui Vorkidex ed Arexatan si risveglieranno in lui, e lo istruirà sul percorso per diventare Re dei Keltar e Imperatore dei Lathear»
Masrek provò un momento di delusione.
Dunque io sono stato tagliato fuori dalla successione! Scavalcato da un figlio che non so nemmeno che faccia abbia! E' il destino di ogni Eclionner... 
Cercò di deviare il discorso.
«Mi hanno detto che Ser Yvain è un tuo informatore»
Sephir rise:
«Ser Yvain è fedele alla nostra causa. Il vero traditore è suo padre, il Duca di Amnisia, che si fingeva tanto amico tuo. Aspira alla corona dei Keltar, ed è il referente della Contessa di Gothian!»
L'Eremita rimase sconvolto da quella rivelazione.
«Gallrian e Marigold... Non ci posos credere. Se è vero, perché non l'hai fermato?»
Lo Sciancato sospirò:
 «Perché sono venuto a sapere che Marigold è in realtà Edwina Ataris!»
Masrek non riusciva a capacitarsene:
«Cosa? Ma Edwina dovrebbe avere almeno mille anni!»
Sephir indicò una pergamena.
 Masrek vide che era indirizzata a Marigold, e si concentrò sulla firma:
Lord Fenrik Steinberg, Conte di Gothian!


Masrek non capiva: «Come sei riuscito a intercettarla?»
Sephir scrollò le spalle:
 «Tu sottovaluti la potenza della mia organizzazione»
L'Eremita annuì: 
«Fenrik ti ha ridotto in questo stato, e i suoi Albini hanno terrorizzato le campagne di Elenna! Io non volevo credere che fossero vampiri, ma Lilieth diceva: "Ci sono cose che non si possono spiegare in altro modo. Non ci manca un forse un altro senso, per sentire un altro mondo, ovunque, intorno a noi? Cosa c'è intorno a noi che non possiamo sentire?"»

Lo Sciancato parve per la prima volta colpito dall’argomentazione del figlio:
 «Lilieth era pronta già da allora.  Lei ha capito subito la bontà delle mie intenzioni ed ha stretto un patto con me e con l'Alleanza di Tupile e Vyghar di Linthael ! Ora lui, Lilieth e un'altra importante pedina del nostro gioco, Alienor di Alfarian, si stanno dirigendo verso sud. Marvin al contrario salirà a nord e presto arriverà a Floriana, nel cuore del mondo Keltar. E tu...»
Masrek, travolto da un mare di ricordi e di gelosia, per l'idea che Lilieth fosse ancora, per sua libera scelta, in compagnia del Pirata, esclamò: «Mi poni forse di fronte alla scelta se raggiungere mia moglie o mio figlio?»
Lo Sciancato scosse il capo, serissimo:  «No. Tu hai un altro compito. Devi portare a termine la tua missione, ora che i tempi sono maturi! Dovrai incontrare Ellis, e portarla dalla nostra parte!»
L'Eremita non se l'aspettava:
«Ma Ellis mi odia! La causa di ogni suo dolore sono io!»



Lo Sciancato fu irremovibile:
«Ellis ti ama ancora. Inoltre teme la vendetta di Eclion e i disegni della Dama Gialla. Secondo il mio informatore, Padre Ulume, Ellis sarebbe pronta a lasciare Lathena tra due settimane, alla testa di quindici legioni di Lathear»
Masrek inarcò le sopracciglia irsute:
«E' una follia! Crede forse di crearsi un altro regno, in modo da sfuggire alla punizione divina?»
Sephir fece segno di no con la testa:
«No, tua sorella vuole preparare la resistenza contro Marigold! Ha capito le intenzioni della lady di Gothian. Sa chi è>>
Dunque era vero: Marigold di Gothian era Edwina Ataris, l'immortale figlia di Atar, Signore del Fuoco.
<<Se Atar protegge Marigold, allora le forze del fuoco si uniranno a quelle del ghiaccio del Conte di Gothian. Insieme sono invincibili>>
Sephir ebbe un moto di stizza:
<<Come sempre sottovaluti il potere di Eclion e della nostra Dinastia! Se saremo uniti, potremo schiacciare le forze di Gothian!
E' piano pericoloso, certo, ma se Ellis unisse le sue forze con le nostre, allora potremmo vendicarci di Lord Fenrik e di quella serpe di Marigold. Dipende tutto da te, Masrek. Ti offro l'opportunità di espiare la tua colpa, e di redimere tua sorella. Se ci riuscirai, allora tu e lei tornerete ad essere miei figli, e Marvin avrà il trono del Sole. E' la nostra ultima occasione.
In caso contrario sarà la fine della Dinastia!»

Nord













I genieri continuano a scavare/ sempre più in fondo,/ su ogni strato strappato/ tracce di antichi accampamenti./ Le torbiere potrebbero essere infiltrazioni atlantiche. / Il centro d'acqua non ha fondo
(Seamus Heaney)







Kakslauttanen Igloo Village, Finland



900 Year Old Church in Norway



Castelli, manieri e altri edifici



Washington National Cathedral, Washington, DC




Castle of Xàtiva, #Spain.


Fenis Castle




Alnwick Castle, England



Wells Cathedral, Somerset, England



Heidelberg Castle Germany

Montmartre Paris Sacre-Coeur Basilica



Cowdray House, West Sussex, England




Hohenwerfen Castle ~ Salzburg, Austria



Arenfels Castle in Germany

Luxury lifestyle





Magan fox e sotto Lindsay Ellingson